La Carica Papaya è una pianta erbacea  a rapido accrescimento della famiglia delle Caricacee, in grado in natura  di superare i 20 m d’altezza ( molto difficilmente in Italia ed ancora di più in vaso ), con fusto di color grigio-bruno, che diviene fibroso con l’avanzare degli anni.

Le radici si sviluppano nei primi 30 cm di terreno.

Le foglie della Papaya, semplici e alterne sono  grandi, lunghe 40-70 cm e larghe 25-27 cm, profondamente lobate, presenti solo nella parte terminale del caule e dotate di un lungo picciolo.

La Papaya è una specie dioica, per cui i fiori maschili e femminili, entrambi gialli chiari, sono su piante diverse; ci possono essere dei soggetti dotati di fiori ermafroditi.
I fiori femminili sono  riuniti in piccoli gruppi e ascellari, quelli maschili invece si inseriscono su lunghi racemi ascellari.

Nel suo ambiente naturale, la Papaya, fiorisce già dopo pochi mesi dalla  messa a dimora, l’impollinazione è entomofila ad opera degli  insetti pronubi.

Il frutto della Papaya è una bacca dalla forma ovale e  allungata, lunga 10-25 cm e larga 7-15 cm, di colore verde che a maturità vira al giallo o al giallo-arancione.

La temperatura ottimale per la crescita e per la produzione è di 25 °C, se scende sotto i 20 °C la crescita e l’emissione dei fiori rallentano, mentre, se superiore a 30 °C provoca sterilità nei fiori ermafroditi.

La propagazione della papaia avviene principalmente per seme.

Il periodo migliore per la semina nel nostro paese è giugno, periodo durante la quale i vasi seminati possono essere mantenuti tranquillamente all’esterno senza l’ausilio di serre o protezioni.

E’ tuttavia possibile procedere con la semina tutto l’anno, avendo però cura di mantenere i vasetti in una serra riscaldata o comunque in ambienti con temperature mai inferiori a 20 gradi .

In ogni caso, seminiamo la Papaya così :

  • Immergere i semi a bagno in acqua a temperatura ambiente per almeno 24 ore.
  • Lavarli delicatamente sotto l’acqua corrente infine, interrarli in un composto di terriccio semplice, soffice, avendo cura di creare una buona base di drenaggio con sassolini o cocci di vaso.
  • Porre i vasetti in una serra riscaldata o in ambiente come sopra indicato in base al periodo di semina.
  • Quando le piantine (di norma dopo  70 /90 gg. )saranno maneggiabili tranquillamente ripicchettarle singolarmente nei vasetti.

Solo quando la pianticella avrà almeno un anno sarà possibile
iniziare a somministrare del concime liquido a base di azoto, fosforo e potassio.
I vasi possono essere posti all’esterno, in posizione ombreggiata e  protetta dal vento.
Riporre i vasi in serra o dentro casa quando le temperature notturne inizieranno a scendere sotto i 15 gradi.