Ho notato che i geranei stanno diventando bruttarelli? Cosa avranno mai?

Ho trovato dei bruchi sul geraneo!

Hai visto che carina la farfallina  che gira attorno ai geranei?

KE KARRRINAAA!
cacyreus marshalliGià sentite o dette frasi di questo tipo?

Beh! sappiate che è proprio la graziosa farfallina il motivo per cui i vostri geranei stanno diventando bruttarelli!

Ecco, chiamasi Cacyreus marshalli  meglio conosciuta come Licenide dei gerani, o più semplicemente farfallina dei geranei e bruco dei geranei  piccola  e volendo graziosa farfallina originaria dell’Africa meridionale.

Oramai ampiamente diffusa  in tutta Italia, la notiamo perlopiù a danno avvenuto svolazzare attorno a i nostri geranei con le loro ali di colore  bruno sul lato superiore a quel punto, per le nostre piante è troppo tardi.

I primi avvistamenti nel nostro paese risalgono al 1996 nell’Italia centrale, da allora si è diffusa largamente su tutta la penisola.

Questa specie, che nelle zone di origine non causa danni particolari, in Europa è diventata un vero flagello per i nostri geranei.

In particolare le sue larve, di colore variabile dal giallo al verde, spesso con 1 o 2 strisce dorsali di color lilla, ricoperte da una fitta peluria con dimensioni variabili da 1–2 mm  a 13 mm.

E’ lei,bruco dei geranei a distruggere i nostri geranei scavando nei fusti gallerie fino a mangiarsi poi foglie e boccioli al fine poi di trasformarsi in crisalide ( la graziosa farfallina)con  una lunghezza di  9 mm circa, di colore variabile dal verde, con o senza strisce lilla, al bruno scuro.

La C. marshalli,  è stata inserita nella lista dell’Organizzazione Europea per la Protezione delle Piante (OEPP)  nell’elenco A2 dei parassiti di quarantena data la sua nocività.

Gli esperi del settore stanno lavorando molto alla ricerca di  un insetto antagonista che si nutra delle uova o delle larve di Cacyreus, in modo da poterla combattere con la lotta biologica;
In particolare l’attenzione è sul Macrolophus caliginosus già utilizzato in ambito professionale, ma con fattibilità d’impiego in  spazi ristretti come i nostri balconi ancora da accertare.

La cura, di fatto, sta nella prevenzione in quanto una volta insediate le larve difficilmente si riuscirà a salvare la pianta, ma, se avete una pianta attaccata che ancora presenta fusti buoni e  volete tentarle proprio  tutte, potete sempre potarla ben  bene proprio in questo periodo in cui entra in riposo vegetativo, e l’anno prossimo, con l’avvicinarsi della primavera iniziare ad effettuare i trattamenti necessari, avendo comunque cura di mantenere la pianta ben lontana da eventuali altri esemplari sicuramente ancora sani, vedi mai, che si riesca a salvarla poraccia!

Chimicamente parlando invece la Compo offre un prodotto specifico contro la Cacyreus chiamato  COMPO Axoris in forma di  pastiglie da infilare nel terreno una volta l’anno.

Ad oggi , il controllo  con metodi biologici può essere effettuato con l’uso dell’olio di neem, da irrorare con frequenza durante tutto il ciclo vegetativo della pianta, sembra inoltre, che consociare i gerani con piante aromatiche fra cui  menta o lavanda  riduca il rischio di attacco.

Immagini da : wikipedia.org e pollicegreen.com