Il frutto, a maturazione, ha un bel color giallo-arancio, nei luoghi di origine viene consumato anche verde, spremuto nelle pietanze come un limone o a fette nelle insalate, il gusto della Carambola è un misto di  limone prugna e ananas, a me, non ha entusiasmata.

La propagazione avviene anche per seme con una germinabilità alta e facile.

Per estrarre i semi senza danneggiarli occorrerà tagliare la Carambola a fette, non è un operazione complicata anche per i meno esperti, basterà procedere tagliando per il lungo seguendo le scanalature del frutto.

Il vaso, andrà tenuto poi in ambiente con almeno 20 gradi e il terriccio andrà tenuto umido.

Qua invece faccio un appunto circa le germinabilità!

Si ritiene infatti che i semi di Carambola una volta rimossi dal frutto perdano la loro capacità di germinare in pochi giorni, posso affermare con certezza che non è così, ne ho seminati a distanza di tre mesi con successo, lo stesso si dice dei semi di Papaya, e anche qua, non confermo, io ne ho seminati a distanza di ben  12 mesi, hanno germinato tutti, tutti i semi interrati sono nati, quindi, ritengo che dipenda sempre da come li si conserva infatti alcuni siti spiegano che i semi di Carambola prelevati dai frutti che si trovano nel periodo natalizio sarebbe meglio poi seminarli in primavera, da qua, si capisce che i conti non tornano, allora  perdono germinabilità in fretta o no? Io dico no!

L’immagine della giovane plantula ritrae una delle mie Carambole ottenute dalla semina della scorsa estate!

Per onore della cronaca, in principio erano 4, due le ho accoppate io involontariamente annaffiandole troppo!

 

Pagine: 1 2