Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Giardinauta! Tutti gli Articoli, Sul Balcone e sul Terrazzo » Semine tardive e altri lavori nel giardino di Maggio

Semine tardive e altri lavori nel giardino di Maggio

Articolo scritto da

È arrivato il momento di seminare in semenzaio alcune piante da fiore che desiderano molto calore per germinare.
Per tutto aprile e maggio si può seminare l’Ipomoea coerulea,
ma anche l’Ipomoea quamoclit.
È importante che le giovani plantule siano protette dal vento,
che può distruggerle in un paio d’ore.
Seminate in vasetti piccoli, e poi trapiantate a dimora quando la pianta avrà riempito il vasetto con le radici.
Sempre in semenzaio, in luce piena, seminate, su terriccio che non deve seccare mai, le bocche di leone e il Cheiranthus.
In piena terra, direttamente a dimora, i nasturzi, il convolvolo, le zinnie.
In questo periodo si devono anche concimare tutte le piante, specie quelle da fiore estivo.
Usate macerato di consolida o di ortica,
che somministrerete ogni venti giorni circa a seconda della pianta.
Non irrigate direttamente col in macerato, ma fate una irrigazione preliminare
con semplice acqua, poi darete il macerato.
Il macerato di ortica, molto diluito è ottimo contro pidocchi, afidi e altri parassiti, ma le irrorazioni devono essere ripetute spesso.
Per attacchi fungini, come ruggine e oidio, usate il macerato di equiseto.
Se siete pigri o non avete spazio per preparavi da voi i macerati, potete acquistarli già fatti.
Sono sempre più numerose le aziende che stanno ampliando la loro gamma di prodotti con estratti naturali, e il web aiuta molto nel recuperare indirizzari validi di aziende serie.
In questo periodo abbiate cura di cimare le piante sfiorite per aiutare la produzione di nuovi getti, tagliate alla prima o seconda gemma forte a partire dall’alto, e naturalmente non dimenticate una irrigazione costante.

Per le piante acidofile, riempite delle bacinelle o un annaffiatoio e lasciate riposare per 24 ore in modo che il calcare si depositi, in caso di clorosi somministrate trinciato di lupini o aggiungete qualche cucchiaio d’aceto all’acqua delle annaffiature.
Immagine in evidenza di : Abbati Emanuela

Lascia un commento