Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Coltivare & Curare le Piante, Decrescita, Stile di Vita - Life Style » Raccolta e conservazione all’aperto e al chiuso

Raccolta e conservazione all’aperto e al chiuso

Articolo scritto da

Sovente ci si trova con una quantità di raccolto che esubera le nostre necessità.
In questo caso molti hanno piacere di fare dei piccoli doni agli amici
(è un’abitudine di scambio e gratuità davvero raccomandabile!).
Però se si prevede che l’inverno possa mettere a dura prova l’orto,
è bene cercare di mantenere e conservare quanto più a lungo possibile ciò che si è raccolto nella bella stagione.
Non è un caso che conserve, salate e dolci, stiano ritornando di moda, e che molte persone, quando acquistano una casa, cerchino di avere una cantina o un luogo dove riporre gli alimenti, al riparo dall’umidità e dal sole. Quando scegliete modalità di conservazione senza cottura, cioè essicazione o immagazzinamento, abbiate cura di selezionare frutta o vegetali asciutti, senza malattie, parassiti, marciumi o ammaccature: il rimanente può essere usato per conserve “cotte” (tra cui inseriamo la salamoia, la conservazione sottolio o sotto sale).
Raccogliete frutta e verdura in giornate asciutte, anche se un po’ lontani dalla maturazione (ma non del tutto acerbi!). La conservazione tradizionale è sotto paglia (tipica del melone).
Ortaggi da radice come carote, zenzero, topinambur, sedano, ramolaccio, barbabietole, possono essere conservati sotto paglia o in terra. Si deve usare un letto caldo (un cassone con vetro) senza fondo.
Bisogna disporli in ordine e senza che si tocchino l’un l’altro, ricoprendoli di terra.
Anche i cavolfiori, privati delle foglie, si mantengono molto bene con questo sistema.
Sempre all’aperto potete scavare una trincea poco profonda in cui sistemare gli ortaggi,
da coprire con paglia, poi con terra.
La conservazione in cantina dà ottimi risultati se l’edificio è vecchio, termicamente isolato, e con pavimento di terra battuta o cotto.
Purtroppo questo tipo di cantina è una vera rarità.
Le verdure si devono incartare in carta per alimenti
e disporre in cassette di legno su ripiani.
Se disponete di un normale locale con muri e pavimento in cemento armato, potete riempire le cassette di sabbia umida prima di deporvi frutta e verdura.
È sempre necessario privare l’ortaggio delle foglie.
Il locale deve essere ventilato e asciutto.
È necessario un controllo periodico di tutto quanto conservato
per rimuovere ciò che inizia a marcire e rischia di guastare anche il resto.

Immagini da pixabay.com

Lascia un commento