Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Giardinauta! Tutti gli Articoli » Quando si arriva a dire “meglio che niente” !

Quando si arriva a dire “meglio che niente” !

Articolo scritto da

v

Jean Louis de Cartier e Stephan Schmidheiny, padroni/proprietari della Eternit sono stati oggi 13/2/2012 condannati a 16 anni di reclusione per disastro doloso permanente e omissione dolosa di misure antinfortunistiche nel caso che vede coinvolte più di 2000 vittime innocenti .
Nello specifico la sentenza riguarda la morte per amianto di 2.191 persone ed è stata accolta in aula da lacrime liberatorie da parte dei parenti , parenti delle vittime italiane, ma anche gli esponenti delle delegazioni straniere.

Prescritte invece, le condotte relative agli stabilimenti di Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli).
Lunghissimo e purtroppo irrisorio l’elenco del risarcimento danni e delle provvisionali per le parti civili:

tra questi :

4 milioni al Comune di Cavagnolo

25 milioni per il Comune di Casale

100 mila euro a Cgil nazionale, Associazione familiari e vittime dell’amianto e Legambiente onlus

75 mila a Wwf Italia

11 milioni a Inail
infine , risarcimenti per cifre dai

30 ai 35 mila euro per gli eredi delle vittime.
Cgil e Inail , alla quale a mio avviso non spettava nulla , che devolvessero i soldi che riceveranno alle Associazioni Vittime dell Amianto che a loro volta , girino ai famigliari delle vittime.
A mio sindacabilissimo giudizio chi avrebbe dovuto vedersi riconosciuto il massimo del risarcimento erano i famigliari delle vittime , le associazioni che li hanno seguiti in questi anni ed il wwf , ma , meglio che niente giusto ?

Io però non ho parenti morti a causa dell’amianto , se li avessi , non sò cosa potrebbe scrivere la mia mano ora!

Sarò scettica di natura , ma in fondo , dubito che Comuni , Cgil e Legambiente non sapessero davvero proprio ma proprio nulla !

Ma va là ,! Che meglio che niente giusto?

Quando ci si ritrova ad essere felici per condanne irrisorie in quanto meglio che niente ?

In tutto il mondo pare , per noi poveri disgraziati , poteva anche finire nel nulla in fondo ,

in fondo , non ci siamo abituati ?

Commossa infatti e giustamente era Fernanda Giannasi, leader del movimento brasiliano dove invece si sono visti declassare la sentenza di colpevolezza in secondo grado e dice : “Dobbiamo mantenere vivo questo movimento, non deve accadere quel che accaduto in Brasile, dove nel 2004 abbiamo vinto in primo grado un processo contro Eternit per 2500 vittime, ma non siamo stati sufficientemente organizzati e abbiamo perso in secondo grado”.

C’era chi sapeva e ha fatto finta di niente chiaro , anteponendo il proprio profitto alla salute e alla sicurezza dei lavoratori,a mio avviso , ci sarebbe voluto il carcere a vita , con risarcimenti ben più alti , ma ,visto come vanno le cose solitamente ,meglio che niente !!!

Allora onore e rispetto a tutte le vittime fra lavoratori , famigliari e residenti dei paesi e città colpite da quella che per Jean Louis de Cartier e Stephan Schmidheiny era solo una forma di guadagno,onore e rispetto a tutti coloro che non ci sono più , ed alle loro famiglie ! !!

Lascia un commento