Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Animali, Giardinauta! Tutti gli Articoli » L’obesità nei gatti

L’obesità nei gatti

Articolo scritto da

È una falsa credenza che i gatti (ma anche i cani e gli altri animali d’affezione) tendano ad ingrassare se sterilizzati, sia che si tratti di maschi che di femmine.
La sterilizzazione può accelerare, aggravare o mettere in evidenza un problema che il più delle volte si sarebbe presentato egualmente.
Molti gatti non sterilizzati sviluppano normalmente l’obesità anche in presenza di una dieta non eccessivamente ipercalorica, e molti gatti rimangono delle loro precedenti dimensioni corporee anche dopo la sterilizzazione.
In ogni caso, quando iniziano a ravvisarsi i primi segni di pinguedine, è bene intervenire prima che si sviluppino danni fisiologici o che il gatto si debba poi adattare ad un regime alimentare troppo restrittivo.
Molti  tendono a preferire un gatto paffuto ad un animale asciutto, e sebbene non si possa dire che un po’ di grasso rovini la linea dell’animale, non si può permettere che il gatto ingrassi in maniera eccessiva.
Per prima cosa scegliete degli alimenti bilanciati e nutrienti.
Ricordate che il gatto è un predatore, che ha bisogno di mangiare carne fresca o croccantini specifici.
Recenti studi hanno messo a nudo il fatto che molti disturbi e patologie del gatto sono da collegarsi cereali presenti nel mangime e che quindi basterebbe evitare i prodotti contenenti cereali per diminuire l’insorgenza di patologie renali, urinarie, cardiache e ovviamente anche l’obesità.
L’obesità del gatto può portare più spesso a epifenomeni di disturbi cardiaci anziché osteoarticolari, come accade invece nel cane.
Anche se i gatti non condividono i principi alimentari vegetariani o vegan, ricordiamo che il pasto deve contenere una porzione di verdura mista alle carni.
Per evitare la formazione di gas e di parassiti intestinali, sbollentate tutto e frullate.
Se invece usate mangimi pronti o croccantini, rispettate le dosi consigliate dal produttore, somministrate il pasto e una volta che l’animale ha finito di mangiare, rimuovete la ciotola.

La peggiore cosa che si possa fare è lasciare la ciotola sempre a disposizione, sempre piena.
Ciò induce il gatto a fare pasti più ravvicinati e numerosi, e quindi all’obesità.
Lasciate invece sempre la ciotola dell’acqua, rinnovata più volte al giorno.

Immagine da Pixabay.com

Lascia un commento