Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Genetica Modificata - OGM -, Giardinauta! Tutti gli Articoli » Le piante transgeniche – Parte Prima –

Le piante transgeniche – Parte Prima –

Articolo scritto da

Per piante transgeniche o piante geneticamente modificate si intendono tutte quelle piante che hanno ricevuto geni da piante o organismi diversi dai loro naturali i quali si sono inseriti stabilmente nel loro genoma attraverso tecniche di ingegneria genetica.
La selezione di piante dotate di caratteristiche favorevoli ai fini alimentari, qualitativi, o comportamentali, tradizionalmente basata su tecniche che sfruttano il flusso genetico esistente tra individui della stessa specie o di specie affini trovavano la loro limitazione nelle barriere riproduttive.
In natura questo non accade , relazioni fra mondo animale e vegetale non si sono mai verificate , tanto meno trasferimenti di geni fra piante geneticamente lontane.
Le tecniche di ingegneria genetica sono concepite proprio per il superamento delle barriere riproduttive naturali , esse modificano la struttura genetica degli organismi attraverso l’introduzione diretta o artificiale di geni provenienti da organismi molto diversi operando proprio per superare i limiti imposti dalla natura al flusso genico tra organismi differenti.
La possibilità di manipolare il patrimonio genetico è nata con la conoscenza della biochimica e della biologia molecolare di Agrobacterium tumefaciens, un batterio parassita di molte specie dicotiledoni.
Quando sono state sviluppate piante geneticamente modificate per uso alimentare o che prevedessero un rilascio ambientale, si è operata un’analisi dei potenziali rischi ad esse ascrivibili, in particolare ambientali e sanitari.
Senza dubbio la portata innovativa delle Piante GM va ben oltre ai rischi ambientali e per la salute, la diffusione delle piante geneticamente modificate infatti ha un enorme impatto economico e sociale.
Basti pensare solo al fortissimo tasso di adozione che ha subito a livello mondiale, cambiando drasticamente le pratiche agricole ad esse associate, nonché l’impatto ambientale e sociale. Tutti questi diversi fattori sono oggi al centro del dibattito in corso a livello nazionale e internazionale.
I campi in cui le piante transgeniche vengono usate maggiormente a fini sperimentali è quello dei vaccini , sono state prodotte piante con antigeni di tantissimi agenti eziologici di malattie quali ad esempio AIDS , papilloma virus , epatiti , carie dentale, vaiolo…biorisanamento di siti contaminati, genomica funzionale , per scoprire cioè le funzioni di geni e proteine poco conosciute .
La prima pianta transgenica posta in vendita fu il FlavrSavr negli USA nel 1994, un pomodoro modificato per rallentare il processo di decomposizione.
Sono molti i geni oggi identificati che presentano potenziali applicazioni sia nel settore propriamente agricolo che anche in quello più ampio della produzione di sostanze industriali o farmecutiche dalle piante .
L’argomento delle piante transgeniche è stato ed è molto dibattuto, specie dal punto di vista dei possibili effetti sull’ambiente naturale derivati dall’introduzione di nuove varietà di piante inesistenti in natura.
Si parla in genere di “danni” all’ambiente; in realtà l’argomento è molto complesso ,
l’EFSA ( Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare)

ha stilato un elenco di questi potenziali rischi :
Rischi ambientali:
Cambiamenti nell’interazione tra pianta e ambiente biotico:
Persistenza e invasività
Vantaggi o svantaggi selettivi
Trasferimento di geni
Interazioni con organismi target (esempio induzione di resistenza negli insetti infestanti cui le piante sono resistenti)
Interazioni con organismi non-target (esempio effetti su api e altri insetti non infestanti, con conseguenze sulla biodiversità)
Interazioni con l’ecosistema del suolo con conseguenti effetti biogeochimici
Cambiamenti nell’interazione tra pianta e ambiente abiotico:
Alterazioni nelle emissioni di gas serra
Alterazioni nella sensibilità ad effetti climatici
Alterazioni nella sensibilità a fattori abiotici del suolo (salinità, minerali…)
Rischi per la salute umana o animale:
Effetti tossicologici
Effetti tossici delle proteine sintetizzate dai geni inseriti
Effetti tossici di costituenti diversi dalle proteine
Allergenicità
Cambiamenti nel valore nutritivo
Trasferimento di antibioticoresistenza
LE PIANTE TRANSGENICHE – PARTE SECONDA –

Lascia un commento