Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Giardinauta! Tutti gli Articoli, Piante D'Appartamento - Piante Antinquinanti, Stile di Vita - Life Style » Le Piante Antinquinanti

Le Piante Antinquinanti

Articolo scritto da

In un precedente articolo avevamo già affrontato , seppur in modo sommario , l’argomento “Piante Antinquinanti” e dopo diverse mail di richiesta in merito vediamo di tornare sul discorso in modo un po’ più completo.
Come già sapete esistono alcune piante da interno estremamente utili per la nostra salute in grado di migliorare l’aria che respiriamo quando soggiorniamo fra quattro mura , che sia la nostra casetta piuttosto che l’ufficio .
Naturalmente , queste piante , nonostante le notevoli capacità di assorbimento e trasformazione delle sostanze nocive che hanno non devono sostituire quelle regole basilari del buon senso quali una corretta aerazione degli ambienti , l’uso con cautela di eventuali prodotti a base chimica per la pulizia e il fai da te e altre piccole regole che adesso andremo ad approfondire .
Come dicevamo aerare la casa correttamente è un gesto che dovrebbe avvenire in modo del tutto naturale , tuttavia , spesso accade che questa azione venga effettuata in modo sommario.
Aerare correttamente i locali in cui soggiorniamo regolarmente è indispensabile , grazie a questo gesto iniziamo a ridurre la presenza di sostanze nocive , umidità , e sostanze volatili come formaldeide .
Una stanza di 40 mq necessità di almeno 10 minuti di aerazione.
Una cattiva abitudine che molti di noi hanno , è quella di abusare dei prodotti a base chimica per la pulizia , prodotti sempre a base chimica contro gli insetti come mosche e zanzare ma anche di profumatori per l’ambiente , sempre a base chimica che parliamoci chiaro , bene non fanno .
Altra buona regola è quella di tenere controllata la pulizia di condotti e bocche di aerazione , impianti di riscaldamento e camini !
Ultimo punto fondamentale acquistate un buon aspirapolvere dotato di un buon filtro hepa cioè , in grado di eliminare anche le particelle aeree , la scopa non rimuove bene polvere e acari , considerate poi che le molecole più pesanti delle sostanze inquinanti tendono a mescolarsi con la polvere ,e la scopa potrebbe non essere il metodo migliore per la rimozione accurata di queste particelle , quindi , un buon aspirapolvere a maggior ragione poi se avete anche degli amici a quattro ( ma anche due o zero ) zampe in casa .
AH !!! Via la moquette , fuori dalle scatole quel acchiappa schifezze che è la moquette , e non solo perchè la detesto io , ma proprio perchè è schifosamente anti igienica , una carta acchiappa tutto , polvere , acari, sostanze inquinanti , se poi parliamo di animali in casa un delirio , ti scappa di vista una pulce è la fine , quindi , via quella maledetta moquette !!!
SFATIAMO I FALSI MITI !
Le piante in casa fanno male perchè ci rubano ossigeno !
Le piante in casa inquinano!
Le piante provocano allergie!
La convinzione che mettere delle piante in casa , ed in particolare in camera da letto non sia una trovata geniale in quanto queste ci sottrarrebbero ossigeno è un falso mito , se vogliamo definirlo così , un idea preconcetta sfatata da tutti gli studi fatti nel campo .
Le piante respirano sì , come noi , di giorno e di notte ,ma consumano una quantità di aria irrisoria .
Naturalmente , non andremo ad installare una sorta di giungla in camera da letto , ma delle piccole piante, inoltre , durante e grazie alla fotosintesi le piante trasformano l’anidride carbonica in ossigeno, utilizzando gli elementi carboniosi come nutrimento .
L’abitudine , ottima , di aprire le finestre ogni mattina per far aerare l’ambiente rimane da prediligere, tuttavia , se una mattina proprio non ne avete il tempo potrete optare per lasciare le persiane o tapparelle che siano aperte così che la luce possa entrare nella stanza e permettere alla pianta di iniziare il suo ciclo di fotosintesi , assorbire l’anidride carbonica e rilasciare ossigeno .
Naturalmente questa non è un’azione da far diventare cosa di tutti i giorni , aprite le finestre ogni santa mattina per almeno 10 minuti e poi chiudetele lasciando comunque le persiane aperte!
Da considerare invece sono le malattie delle piante stesse , afidi cocciniglie acari e compagnia possono essere fonte di problematiche , infatti , non potremo trattare queste piante come una qualsiasi pianta da esterno , non fosse per altro che nebulizzare prodotti fitosanitari in casa causerebbe nel tempo problemi a noi ecco com’è che molti pensano che le piante inquiano , non sono le piante ad inquinare , siamo noi , che le trattiamo male prima e le ri-trattiamo male con i prodotti chimici poi.
Ma questo è un blog bio , e anche qua una soluzione dobbiamo trovarla!
La maggior parte delle malattie parassitarie e fungine nelle piante da interno , anzi tutte le malattie delle painte da interno , sono dovute ad errori nostri .
Le piante infatti devono essere scelte in base all’ambiente in cui le si andrà a posizionare , e non viceversa sceglierne una che faccia pendant  con l’ambiente, una pianta che necessita di molta luce se la posizioniamo in una casa poco illuminata và da sé che non potrà star bene ok ? E una pianta che non stà bene non solo potrà rimanere vittima di attacchi parassitari , ma non sarà certo l’ideale al fine per cui l’avevamo acquistata giusto?
Quindi , quando ci apprestiamo alla scelta della pianta da mettere in casa o in ufficio assicuriamoci di potergli offrire :
1 ) la quantità di luce di cui necessita , solo così crescerà rigogliosa e farà il lavoro per cui l’abbiamo presa.
2 ) la corretta somministrazione di acqua e concimi , eccessi in un senso o nell’altro possono provocare diverse malattie parassitare e fungine fino alla morte della pianta stessa , quindi , attenzione!
una corretta pulizia del fogliame , la polvere viene attratta dalle foglie delle piante , ragion per cui dovremmo essere felici , vorrà dire che ne avremo meno in giro e per aria noi , però , la fotosintesi con le foglie tutte coperte di polvere non può avvenire , e così , non potrà mai “pulire” l’aria che abbiamo in casa!
3 ) temperatura ambientale ed igrometria ottimale , indispensabile per la corretta crescita della pianta , senza questi due fattori inevitabilmente la pianta o crescerà stentata oppure , morirà proprio !


Una sommaria conoscenza della pianta non sempre può bastare , considerate infatti che la maggior parte se non tutte delle piante da interno sono piante che nel loro paese di origine crescono all’aperto , ecco perchè sarebbe l’ideale conoscere quale è il suo clima originale, purtroppo spesso il vivaista risulta poco informato , ma ci verrà incontro internet , quindi , informatevi quantomeno sullo stadio vegetativo in cui questa pianta cresce nel suo habitat naturale , è una pianta da sottobosco ? Un arbusto o un albero ? È facile intuire che già solo sapendo questo si è un passo avanti !
Ecco come curare le piante da interno con tecniche biologiche, leggete QUA’!

Lascia un commento