Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Animali, Coltivare & Curare le Piante, Giardinauta! Tutti gli Articoli » Lavanda dai mille usi

Lavanda dai mille usi

Articolo scritto da

L’infuso di Lavanda può essere utilizzato durante il bagnetto del cane proprio per la sua azione antisettica e disinfettante.

La lavanda è da sempre amatissima per i suoi fiori e il suo profumo.
È conosciuta sin dai tempi degli antichi romani, anche se non si hanno prove concrete che sia stata da loro introdotta nei giardini.
La lavanda è sempre stata usata per le sue proprietà officinali e solo a partire dal Novecento ha avuto un sensibile aumento di popolarità come pianta ornamentale.
Attualmente il rinnovato interesse per le piante aromatiche ed officinali la vede al centro di grandi sforzi per ibridarne sempre più cultivar a fiore o portamento diversi.
Ne esistono infatti diversi colori, il rosa (‘Loddon Pink’) e il bianco (‘Nana Alba’ , ‘White Grosso’), oltre alle diverse sfumature di azzurro, viola e porpora. Tra le cultivar più ornamentali di Lavanda c’è la ‘Munstead Blue’, da molti considerata la lavanda più bella tra quelle di dimensioni contenute.

 

A scopi officinali la lavanda migliore sono la specie vera o la spica.
Tutte le lavande, anche quelle di grosse dimensioni, possono essere coltivate in vaso, a patto di potarle severamente (senza arrivare al legno), sia dopo la fioritura, sia tra febbraio e marzo. La lavanda va coltivata in terreno estremamente drenato, molto povero, senza nessun concime organico e pochissimo compost.
Occasionalmente, se notate una fioritura meno copiosa, utilizzate del macerato di consolida da somministrare dopo la fioritura e di nuovo in febbraio-marzo.
L’olio essenziale di lavanda è non solo ottimo per profumare gli ambienti e il pot-pourri, ma soprattutto come antisettico e disinfettante.
Si può usare più o meno diluito a seconda degli usi.
È ottimo su cuccioli o gattini su cui non è possibile usare la pipetta antiparassitaria.
In piccole dosi, diluite in acqua, è utile anche come vermifugo interno, ma solo su cani o gatti in salute e di età superiore ai sei mesi.
L’infuso di Lavanda può essere utilizzato dopo l’ultimo lavaggio durante il bagnetto del cane prima di procedere con l’asciugatura dello stesso e non solo per il profumo ma proprio per la sua azione antisettica e disinfettante.
Chi vuole evitare antiparassitari chimici per i propri animali potrà utilizzarne l’olio essenziale, diluito in acqua e aceto, per allontanare pulci, zecche e flebotomi o come detergente per le cucce.

Tale forma di pulizia è però di breve durata e va rinnovata spesso.
È anche utile cucire un salsicciotto di stoffa in cui infilare foglie sminuzzate da legare al collo degli animali. In cucina i fiori si possono raccogliere ed usare come decorazione nelle insalate o in tutti i piatti un po’ grassi.
In estate possono essere usati assieme alla borragine per colorare i cubetti di ghiaccio da mettere nelle bibite, nelle centrifughe di frutta, nei gelati, nelle granite.
Infine i fiori possono essere raccolti in mazzetto (tagliate i gambi più lunghi possibile) , appesi a testa in giù e una volta essiccati, usati come decorazione per la casa, legati con della rafia.

Lascia un commento