Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Coltivare & Curare le Piante, Giardinauta! Tutti gli Articoli » La propagazione per seme di alcune piante ornamentali .

La propagazione per seme di alcune piante ornamentali .

Articolo scritto da

Ecco una piccola lista di alcune delle piante che necessitano di trattamenti particolari pre-semina.

Acacia

I semi duri possono essere ammorbiditi
con immersione in acido solforico da 20 minuti a 2 ore, oppure gettando
dell’acqua bollente sui semi e lasciandoli raffreddare per 12 ore.

Acer

Per gli aceri che producono i semi in
primavera (rubrum, saccharinum) bisogna raccoglierli subito appena
maturi e piantarli subito senza farli seccare. I semi autunnali invece
vanno stratificati in sabbia a 4°C per 90 giorni e piantati in
primavera. Possono essere piantati anche in autunno, ma all’aperto, se
tenuti prima una settimana a bagno cambiando l’acqua ogni giorno. In
ogni caso non bisogna mai lasciarli seccare.

Aesculus

Devono essere piantati o stratificati
appena raccolti in autunno, se i semi perdono turgore ed avvizziscono
perdono vitalità. Per una miglior germinazione stratificare a 4°C per 4
mesi appena raccolti. Attenzione questi semi sono velenosi !

Ailanthus

Dormienza embrionale che va superata
stratificandoli per 2 mesi a 4°C. Produce piante maschili e femminile.
Il polline dei maschi è sgradevole.

Albizia

I tegumenti impermeabili vanno trattati
in acido solforico per mezz’ora e poi risciacquati prima della semina.

Alnus – Ontani

I semi vanno prontamente raccolti e
ripuliti appena maturi e piantati nel tardo autunno. Possono anche
essere stratificati per migliorare la germinazione.

Amelanchier

La dormienza embrionale può essere
superata con stratificazione a 2°C per 3-6 mesi. I semi non devono
assolutamente seccare. Per alcune specie è necessario scarificare i
tegumenti prima della stratificazione.

Aralia

I semi vanno trattati in acido solforico
per 30-40 minuti e poi piantati all’inizio dell’autunno. Non lasciare
seccare i semi.

Araucaria

I semi non hanno alcun problema di
dormienza. Non vanno piantati troppo presto perché sono sensibili al
gelo.

Azalea

Le capsule vanno raccolte in autunno
prima che diventino brune e poi conservate a temperatura ambiente
dentro ad una cassetta che raccolga i semi quando si aprono. Non hanno
dormienza ma perdono rapidamente vitalità all’aperto. Conservare
sigillati in frigo fino alla semina. Seminare in torba acida e
annaffiare con acqua non calcarea.

Banksia

Per estrarre i semi tenere a bagno le
infiorescenze per diversi giorni e poi metterle ad asciugare in pieno
sole. Non ha problemi di dormienza.

Berberis

I semi vanno stratificati da 2 a 6 mesi
a 4°C. E molto importante rimuovere tutta la polpa dei frutti dai semi.

Betula

I semi vanno stratificati da 1 a 3 mesi
a 4°C. B.nigra fa i semi in primavera e possono essere piantati subito
appena raccolti. I semi di B.papyrifera vanno lasciati a temperature
sotto zero per 6 settimane per germinare.

Calocedrus

I semi vanno stratificati per circa 8
settimane a temperature tra 0 e 4°C.

Camellia

In autunno quando le capsule diventano
rossicce e si aprono bisogna raccogliere i semi prima che i tegumenti
diventino troppo duri ed i semi siano sparsi a terra. Non bisogna
assolutamente lasciarli essiccare e indurire ma vanno piantati subito.
Una volta invecchiati e formati i tegumenti induriti vanno messi a
bagno in acqua bollente e lasciati raffreddare per 24 ore.

Carpinus

Raccogliere i semi quando le ali sono
ancora soffici e flessibili. Non lasciarli seccare. Seminare in autunno
oppure stratificare e seminare in primavera. Se si seccano andranno
scarificati.

Catalpa

Non ha problemi di dormienza. I semi si
conservano a temperatura ambiente e all’asciutto nell’inverno per
piantarli in primavera.

Ceanothus

I semi vanno raccolti appena si aprono
le capsule o andranno persi. Le varietà arboreus, cuneatus, jepsoni,
megacarpus, oliganthus, rigidus e thyrsiflorus hanno solo dormienza dei
tegumenti. Viene rimossa a bagno in acqua calda a 82-87°C lasciandoli
raffreddare per 12-24 ore. Gli altri Ceanothus hanno anche dormienza
embrionale per cui dopo il trattamento a caldo vanno stratificati a
2-4°C per 2-3 mesi

Cedrus

Non ha problemi di dormienza se non
vengono lasciati seccare troppo. Tenere i semi a bagno diverse ore
prima della semina può aiutare.

Celtis

Prima della stratificazione un
trattamento in acido solforico o acqua bollente può migliorare la
germinazione. Stratificare per 2-3 mesi a 4°C poi piantare in primavera.

Cercis

Tegumenti duri e dormienza embrionale.
Trattare in acido solforico per 60 minuti e poi stratificare per 3 mesi
a 2-4°C. Tuttavia si ha una certa riuscita anche seminandoli all’aperto
in autunno senza trattamenti.

Chaenomeles

Ripulire i semi dai frutti. Seminare in
autunno o stratificare prima 2-3 mesi a 4°C per la primavera.

Chamaecyparis

Dopo essere stati raccolti in autunno i
semi vanno accuratamente asciugati al caldo (da 32 a 43°C). Prima della
semina stratificare per 2-3 mesi a 4°C.

Citisus

I semi vanno raccolti appena maturi e
trattati con acido solforico per ammorbidire i tegumenti. I semi
germinano meglio in ambiente protetto al caldo e poi vanno passati in
un locale più freddo quando i semenzali sono una decina di centimetri.

Cornus

I semi di C.florida devono essere
piantati in autunno o stratificati 4 mesi a 4°C per la primavera. E’
meglio raccogliere i semi appena i frutti iniziano a colorire e
piantarli o stratificarli subito. Se si lasciano seccare vanno tolti
dai frutti e tenuti a bagno molto tempo. Altre specie richiedono una
stratificazione più lunga fino a 6 mesi oppure una scarificazione
meccanica o in acido dei tegumenti.

Cotoneaster

I semi vanno trattare in acido solforico
per 90 minuti e poi stratificare per 3-4 mesi a 4°C. In sostituzione
dell’acido si possono stratificare prima al caldo (da 15 a 24°C) per
3-4 mesi e poi al freddo come sopra.

Crataegus

Impermeabilità dei tegumenti e dormienza
embrionale. Se si seminano senza trattarli impiegano in due tre anni
per germinare. Il miglior trattamento è stratificare i semi freschi e
puliti, appena raccolti, in torba bagnata per 3-4 mesi a 21-27°C
(oppure trattarli in acido solforico) In seguito stratificarli a 4°C
per 5 mesi. Per alcune varietà non è necessario il primo trattamento.
Va ripicchettato molto giovane perché sviluppa una sola lunga radice.

Cupressus

I semi hanno l’embrione dormiente per
cui stratificarli per 4 settimane a 2-4°C aiuta molto.

Elaeagnus

I semi vanno stratificati 3 mesi a 4°C
per le semine primaverili. E molto importante rimuovere la polpa dei
frutti che contiene un’inibitore. E.angustifolia ha il tegumento assai
duro e deve essere trattato in acido solforico per 30-60 minuti prima
della semina autunnale o della stratificazione.

Eucalyptus

Non ha problemi di dormienza e germina
subito. Solo alcune varietà si possono aiutare con 2-3 mesi di
stratificazione. E’ molto suscettibile ai marciumi ed ai trapianti per
cui si preferisce seminarlo in vassoi alveolati o in contenitore con
substrato sterilizzato.

Euonymus

I semi vanno stratificati 3-4 mesi a
temperatura tra 0 e 10°C . E necessario rimuovere subito i semi dai
frutti ed evitare che si secchino.

Fagus

I semi piantati in autunno nascono in
primavera oppure possono essere stratificati 3 mesi a 4°C. Non bisogna
consentire ai semi di seccarsi.

Fraxinus

I semi di molte specie vanno
stratificati 2-4 mesi a 4°C. I semi di excelsior, nigra e quadrangulata
devono essere conservati umidi a temperatura ambiente per 1-3 mesi al
fine di far maturare l’embrione e poi stratificati 5-6 mesi a 4°C prima
della semina.

Ginkgo

Raccogliere i frutti a metà autunno,
liberarli dalla polpa e mettere i semi puliti in cassette di sabbia
bagnata per 10 settimane a temperatura tra i 15 ed i 21°C, per
consentire all’embrione di maturare. Poi passarli per alcuni mesi a 4°C
per rimuovere la dormienza prima della semina. Producono piante
maschili e femminili. Le piante femminili sono indesiderate per i
frutti sgradevoli, ma non si distinguono fino a circa 20 anni di età.

Gleditsia

Trattare i semi in acido solforico per
60 minuti e poi stratificare per 3 mesi a 2°C dà una pronta
germinazione.

Ilex

La germinazione di questo genere è molto
difficile. I.crenata, I.cassine, I.glabra, I.vomitoria, I.amelanchier e
I.myrtifolia germinano prontamente se vengono piantati subito appena
raccolti. Altre specie come I.aquifolium, I.cornuta, I.verticillata,
I.decidua e I.opaca germinano solo dopo un’anno o più dalla semina,
anche se stratificati, poiché hanno un’embrione rudimentale al momento
della raccolta. I semi devono essere raccolti e puliti dal frutto
appena sono maturi in autunno. StratiDficati in sabbia e torba fino a
primavera a 4°C. Seminati, germineranno dopo 1 o 2 anni e cresceranno
molto lenti.

Juniperus

I semenzali di virginiana o chinensis
vengono usati come portinnesti. Le bacche devono essere raccolte in
autunno appena sono mature. I semi vanno liberati dal frutto e trattati
con acido solforico per 30 minuti prima di essere stratificati per 4
mesi a 4°C. In sostituzione dell’acido si possono stratificare prima al
caldo (da 21 a 30°C) per 2-3 mesi oppure seminare in estate ed
aspettare l’anno dopo. In genere si trattano e si forzano poiché la
vitalità dei semi è variabile e nDon supera mai il 50%.

Kalmia

Si possono stratificare per 8 settimane
oppure trattare con una soluzione a 200 ppm di acido gibberellico.
Germinano a circa 20°C.

Koelreuteria

I semi hanno una doppi dormienza. Vanno
trattati in acido solforico per 60 minuti o scarificati meccanicamente.
Quindi vanno stratificati per 90 giorni a 2-4°C prima della semina.

Ligustrum.

Facile. I semi ripuliti vanno
stratificati per 2-3 mesi a 0-10°C prima della semina.

Liquidambar

I semi vanno raccolti in autunno e
mantenuti umidi affinché non secchino. Si possono stratificare per 1-3
mesi a 4°C per aiutare a superare la dormienza.

Liriodendron

Assai difficile poiché molti semi sono
vuoti. Vanno stratificati per circa 2 mesi a 4°C senza consentire di
seccarsi, ma possono anche essere piantati subito all’aperto in
autunno. Sono molto difficili da trapiantare.

Magnolia

I semi vanno raccolti in autunno prima
possibile, appena i frutti sono maturi. Dopo averli puliti si possono
piantare immediatamente oppure stratificarli per 2-3 mesi a 4°C. Non
bisogna lasciare che si secchino. Così pure il substrato seminato non
deve mai asciugarsi. I semi perdono vitalità se tenuti a temperatura
ambiente per tutto l’inverno, vanno sigillati e messi in frigorifero da
0 a 4°C per conservarli.

Mahonia

I semi di molte specie non vanno
lasciati seccare e si stratificano per aiutare la germinazione. Invece
i semi di M.haematocarpa germinano subito anche se secchi. Quelli di
M.aquifolium vanno puliti dal frutto, seminati in autunno all’aperto e
germinano in primavera.

Nandina

I semi di questa specie si raccolgono
nel tardo autunno non vanno assolutamente lasciati seccare. Per far
sviluppare l’embrione rudimentale bisogna tenere il seme in contenitore
sigillato e all’asciutto, nel frigorifero a 4°C, fino all’estate
successiva. Piantati nella tarda estate germineranno circa 60 giorni
dopo, in autunno. La crescita è lenta.

Nerium

I semi vanno raccolti nel tardo autunno
subito dopo che il freddo ha provocato l’apertura dei baccelli. Una
volta ripuliti con un setaccio fine, si possono piantare subito in
serra senza trattamenti. Germinano nel giro di due settimane.

Paeonia

La dormienza dell’epicotile complica la
germinazione. Seminati in serra su un substrato umido, appena si sono
sviluppate le radici vanno trapiantati in vasetti da portare in
ambiente freddo (da 4 a 10°C) oppure fuori, in inverno, per 2 mesi e
mezzo. Questo consentirà all’epicotile di superare la dormienza e di
svilupparsi. Allora, se non è ancora primavera, vanno riportati in
ambiente caldo.

Palme

In generale i semi vanno piantati prima
possibile, appena raccolti, senza lasciarli seccare. Rimangono vitali
solo per poco tempo. Dopo aver tolto la polpa del frutto, tutti i semi
che galleggiano vanno scartati. Un substrato con metà torba e metà
perlite è ideale. Germinano in 1-3 mesi specialmente con riscaldamento
basale a 28°C. Altri richiedono anche 1 o 2 anni. 

Picea

P.abies, P.engelmannii, P.glauca
albertiana, germinano bene senza stratificazione. Gli altri vanno
stratificati a 4°C per 1-3 mesi. P.pungens ‘Glauca’ e simili non
mantengono la colorazione se propagati di seme.

Pinus

Vi sono notevoli differenze tra le
specie. Alcune germinano senza problemi altre hanno bisogno di essere
stratificate per 1-3 mesi a 0-4°C. Tuttavia se i semi non sono molto
freschi anche i primi si avvantaggiano di un periodo di
stratificazione. P.cembra e P.monticola hanno bisogno di essere
trattati in acido solforico rispettivamente per 3-5 ore e 45 minuti e
poi stratificati per 3 mesi a 2°C.

Pistacia

I semi vanno raccolti dai frutti più
grossi, di color verde-bluastro, in autunno. Va tolta subito la polpa
del frutto. I semi che galleggiano sono abortiti e vanno scartati.
Vanno stratificati per 10 settimane a 4-10°C prima della semina. I
semenzali mostrano un’ampia variabilità.

Pittosporum

I semi germinano facilmente. Immergerli
per pochi secondi in acqua bollente migliora la germinazione.

Platanus

I semi non devono seccare. La miglior
procedura è di lasciarli svernare nelle palle, sugli alberi. Raccolti a
fine inverno, inizio primavera, verranno seminati subito e germineranno
prontamente. Se invece verranno raccolti in autunno è necessario
stratificarli durante l’inverno a 4°C.

Populus

I semi vanno raccolti appena le capsule
iniziano ad aprirsi e piantati subito, perché perdono vitalità
rapidamente e non devono assolutamente seccarsi. Per conservarli si
mettono in contenitore sigillato a 0°C, e possono durare anche tre
anni. I semenzali sono molto suscettibili ai marciumi e non tollerano
nè il caldo nè la siccità.

Pseudotsuga

Per superare la dormienza embrionale i
semi vanno piantati in autunno o stratificati per 2 mesi a 4°C.

Quercus

C’è un’ampia variabilità nei semi della
quercia. Un gruppo di specie produce ghiande che maturano il primo anno
ed un’altro invece il secondo anno. Le prime non hanno dormienza e
germinano prontamente appena mature, in autunno (Q.alba, Q.robur,
Q.suber ecc). Le altre invece hanno dormienza embrionale e devono
essere piantate in autunno all’aperto oppure stratificate per 1-3 mesi
a 0-2°C. Le ghiande tendono a perdere rapidamente vitalità se
conservate a temperatura ambiente e si seccaDno.

Rhus

Raccolti i semi in autunno non vanno
lasciati seccare. Trattati in acido solforico per 1-6 ore, secondo la
specie, vengono piantati all’aperto in autunno o stratificati per la
primavera a 4°C per 2 mesi.

Rosa

I semi vanno estratti appena il frutto è
maturo ma prima che la polpa diventi molle. Vanno subito stratificati a
2-4°C. Sei settimane sono sufficienti per R.multiflora, ma altre, come
R.rugosa, richiedono da 4 a 6 mesi, fino a 10 mesi per R.blanda. Per le
varietà ibride bastano 60-90 giorni. R.canina germina meglio se tenuta
in stratificazione calda (15-20°) per 2 mesi e poi fredda (0-4°C) per
altri 2 mesi.

Sequoia

I semi di S.sempervirens maturano in una
stagione mentre quelli di S.giganteum richiedono due stagioni per
maturare l’embrione. Raccolti i coni in autunno si fanno asciugare per
2-4 settimane e si estraggono i semi. S.giganteum richiede
stratificazione per 10 settimane a 4°C prima della semina.
S.sempervirens germina senza. I giovani semenzali vanno ombreggiati nei
primi 60 giorni.

Sorbus

I semi vanno raccolti appena i frutti
sono maturi. La polpa viene rimossa perché contiene inibitori. Vanno
stratificati per almeno 2 mesi a circa 5°C.

Symphoricarpos

I semi hanno tegumenti impermeabili ed
embrione immaturo alla raccolta. Vanno stratificati al caldo (15-20°C)
per 3-4 mesi e poi al freddo (5°C) per 6 mesi prima della semina.

Syringa

I semenzali vengono usati come
portinnesti. Si semina in autunno all’aperto o in primavera dopo
stratificazione di 40-60 giorni a 4°C.

Taxodium

Si seminano in autunno all’aperto oppure
in primavera dopo stratificazione a 5°C per 90 giorni.

Taxus

T.cuspidata è quello più propagato per
seme. Viene stratificato al caldo (20°C) per 3 mesi e poi al freddo
(5°C) per 4 mesi prima della semina. La crescita è molto lenta.

Thuja

Facile. Senza trattamenti o al massimo
stratificati 60 giorni a 4°C per aiutarli.

Tilia

I semi hanno dormienza embrionale,
tegumenti impermeabili e in alcune specie un pericarpo esterno duro.
Raccogliere i semi dall’albero appena i tegumenti diventano
completamente marroni, ma prima che cadano e diventino duri e piantarli
subito. Altrimenti il pericarpo si rimuove meccanicamente oppure con
trattamento in acido solforico per 15 minuti. Poi si stratificano per 4
mesi a 2°C. In alternativa si possono stratificare al caldo (15-27°C)
per 4-5 mesi e poi altrettanto al freddo (2-4°DC). Questi semi in
genere sono lenti e difficili da germinare.

Tsuga

Germinano senza difficoltà. La dormienza
è variabile ma, per sicurezza, stratificare 2-4 mesi a 4°C. Si possono
anche piantare all’aperto in autunno. I semenzali vanno ombreggiati il
primo anno.

Ulmus

I semi perdono rapidamente vitalità se
conservati a temperatura ambiente. I semi raccolti in primavera possono
essere piantati subito. Le specie che li producono in autunno si
possono seminare subito all’aperto oppure stratificare per 2 mesi a 4°C
e seminare in primavera.

Viburnum

I semi hanno varie complicazioni di
dormienza. V.sieboldi necessita solo di una stratificazione mentre la
maggior parte delle specie (lantana, opulus, rhytidophyllum) richiedono
da 2 a 9 mesi di stratificazione al caldo (20-30°C) seguita poi da 2 a
4 mesi al freddo (4°C). Spesso raccogliere i semi presto prima che si
sia formato il tegumento duro aiuta la germinazione. Oppure,
seminandoli all’aperto in estate si fornisce la fase di caldo, poi
d’inverno quella di freddo, e germineranno la primavera dopo.

 


Tratto da : Ce.Spe.Vi. – Pistoia

 

Lascia un commento