Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Bonsai, Coltivare & Curare le Piante, Giardinauta! Tutti gli Articoli » Il terriccio per la coltivazione dei bonsai

Il terriccio per la coltivazione dei bonsai

Articolo scritto da

In commercio possiamo trovare sacchi di terriccio apposito per la coltivazione dei bonsai.
La qualità del terriccio nella coltivazione dei bonsai riveste una fondamentale importanza , infatti , un’eccesso di umidità dovuto magari al ristagno di acqua è mal tollerato dalla pianta , il substrato deve garantire non solo un ottimo drenaggio dell’acqua , ma anche una temperatura del terreno il più possibile stabile , infatti,a causa della poca terra presente nel vaso la pianta è maggiormente esposta ad escursioni termiche , ed il substrato in questo caso deve svolgere la più completa protezione .
Anche il PH del terreno è importante , ma benchè alcune piante apprezzino

terreni con particolari valori ,nella maggior parte delle specie fortunatamente sono più tolleranti .
I principali substrati utili nella coltivazione dei bonsai sono :


TERRICCIO STANDARD PER BONSAI
ARGILLA
AKADAMA
POMICE
LAPILLO
GHIAIA
SABBIA
TORBA
PERLITE


Terriccio standard per bonsai

ossia  quello in vendita in qualsiasi garden center , è un terriccio di buona qualità,  non addizionato con concimi .


L’Argilla
L’Argilla è in grado di accumulare una gran quantità di acqua e di rilasciarla lentamente aiutando così la pianta non solo a non rimanere a contatto con l’acqua dell’annaffiatura troppo a lungo , ma nche per tutte quelle piante che necessitano di alte concentrazioni di umidità nell’aria , infatti , l’argilla rilascia nell’ambiente circostrante umidità .
Inoltre , l’argilla è utile nel caso in cui il terriccio di coltivazione risulti troppo ricco di sali minerali , anche dopo le concimazioni , l’argilla si lega a gran parte dei sali nutritivi .
Il fosforo ad esempio si lega per lungo tempo nell’argilla .
Un particolare tipo di argilla utile nella coltivazione bonsai è l’Akadama .


Akadama
Di origine vulcanica l’Akadama è prodotto  in giappone, ha caratteistiche chimico fisiche perfette per la coltivazione dei bonsai,  accosta a una capacità drenante elevata anche una quantità di sostanze minerali nutritive non trascurabile, è il substrato ideale da affiancare a un buon terriccio universale durante i rinvasi.
Alcune piante possono addirittura essere coltivate solo in akadamapurchè se ne curi attentamente  fertilizzazione e l’irrigazione.


Pomice
Validissima alternativa all’akadama, è un substrato di origine vulcanica con  un elevato grado di drenaggio  ed è  povera di minerali e sostanze nutritive.


Lapillo
Validissima alternativa all’akadama, il lapillo è un substrato di origine vulcanica ,  a differenza della pomice ha una buona presenza al suo interno di minerali e sostanze nutritive che ne fanno un ottimo prodotto, per contro però  trattiene molta  umidità .


Ghiaia
Materiale roccioso frantumato di varia origine, fare attenzione al momento dell’acquisto sul tipo di roccia da cui è stato prodotto cercando di evitare materiali particolarmente calcarei. Non ha proprietà nutritive ma presenta un ottimo drenaggio.


Sabbia
Substrato di origine simile al ghiaino, di cui mantiene le stesse peculiarità nutrive. Prediligere la sola sabbia di fiume .


Torba
Di origine oganica  la torba viene estratta dai terreni paludosi in apposite torbiere , ha buone capacità di assorbimento dell’acqua, e buone proprietà nutritive .
Questo substrato  ha diversi tipi di ph a seconda dei materiali da cui deriva, particolarmente interessante è la torba acida di sfagno che ha per l’appunto la capacità di acidificare i suoli di cui fa parte, rende per tanto questo substrato particolarmente indicato per quelle essenze che gradiscono substrati a ph acido.
Esistono in commercio anche torbe neutre e basiche, indicate per quelle essenze che non gradiscono suoli acidi.


Perlite
Varietà specifica di roccia  vulcanica chimicamente inerte dal ph neutro.
La sua principale peculiarità è che cotta ad elevate temperature subisce un processo di espanzione che ne moltiplica il volume creando un substrato caratterizzato da macroporosità diffusa, il che ne facilita il potere evaporativo in presenza di acqua. Particolarmente apprezzato nella preparazione dei semenzai e dei terreni di crescita delle giovani piante .

Lascia un commento