Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Coltivare & Curare le Piante, Coltivazione Biodinamica, Coltivazione Biologica, Coltivazione Vegan, Giardinauta! Tutti gli Articoli » Il Salice come ormone naturale fai da te

Il Salice come ormone naturale fai da te

Articolo scritto da

Stavo scrivendo un articolo sugli ormoni naturali in generale ,

 quando mi è tornato in mente qualcosa di più , mi è tornato in mente il Salice ,

ed il suo medesimo uso come ormone naturale !!!
Il Salice è un albero dalla crescita molto veloce, con foglie decidue,

tipico dell’emisfero nord e amante dei terreni umidi.
Ne esistono più di 300 specie fra alberi, arbusti e piante perenni legnose o fruticose,

fra le specie spontanee in Italia , che  sono poco più di 30 ,

quello maggiormente conosciuto è il salice piangente ,
ossia , il Salix babylonica L.
Quasi tutte le specie di Salice contengono nella corteccia  l’acido indolbutirrico (IBA) 

e l’acido salicilico

( ATTENZIONE!! non acetilsalicilico; che si ottiene invece trasformando,

con una reazione chimica, l’acido salicilico usato poi come principio attivo dell’Aspirina)

e vedremo fra poco perchè ci interessa tanto .
Quello che interessa a noi sono i suoi rami , infatti , dai getti giovani di qualsiasi tipo di Salice,

ma in particolare del Salix Alba , possiamo produrre in proprio il nostro ormone radicante naturale  sfruttando proprio la presenza di acido indolbutirrico e acido salicilico presente nella sua corteccia.
Inoltre ,  è ideale per la produzione di biomassa, scopo per cui è già largamente coltivato,

ma questa è un’altra storia !
COME SI FA’ FARSI UN ORMONE RADICANTE FAI DA TE ?
Da un’albero appartenente alla famiglia dei Salici   si prelevano alcuni rami , scegliendo  fra quelli in fase di crescita e si  eliminano tutte le foglie infine  si tagliano questi rami nudi in tanti piccoli pezzi di circa 1 cm.
Si mettono così tutti i piccoli pezzi  in un recipiente e si procede con l’estrazione !
Ci sono due metodi di preparazione ,  a caldo oppure a freddo , vediamoli in dettaglio :
ESTRAZIONE A CALDO :
Ricoprire i rametti con acqua bollente e far riposare 12/24 ore passato il tempo di riposo , filtrate e conservate il prodotto ottenuto in frigorifero dentro ad un barattolo con chiusura ermetica , il prodotto così ottenuto lo si potrà conservare fino a due mesi .
ESTRAZIONE A FREDDO :
In questo caso ,  i rametti tagliati andranno lasciati  riposare a bagno ben immersi nell’acqua fredda  per circa una settimana, poi , filtrare e conservare in frigorifero dentro ad un barattolo a chiusura ermetica .
Il prodotto così ottenuto , come per l’estrazione a caldo , lo si potrà conservare fino a due mesi .
COME SI USA?
Per aiutare la radicazione delle talee potete usare il vostro ormone fai da te  mettendo in ammollo le le talee per una notte, basterà porre i rametti in un bicchiere con dentro il liquido di Salice avendo cura di porre in immersione almeno due nodi della talea , passata la notte, o comunque almeno 12 ore  , si procederà col metterle nel terriccio.
L’acido salicilico, oltre a far emettere più facilmente le radici, aiuterà anche ad evitare che i gambi marciscano.
L’acqua di Salice si può utilizzare anche per irrigare le piantine giovani, come additivo per aiutare la radicazione e la crescita delle giovani plantule .


CURIOSITA’ :


Anche il  miele viene usato come ormone radicante o come nutrimento post radicamento con ottimi risultati .
Il miele , di qualsiasi tipo , seppur sarebbe meglio prediligere i miele biologico  e non pastorizzato va diluito in proporzioni di 1 parte miele per 4 parti di acqua rigorosamente tiepida al fine di permettere al miele di sciogliersi ed amalgamarsi bene con l’acqua .
Il suo uso infine , è identico a quello di un qualsiasi ormone radicante , ossia ,  si acchiappa  la talea, e la si immerge nel miscuglio  fino ad un centimetro circa del gambo, dopo di chè , via a  dimora nel vasetto di torba/terriccio  bello umido  o ancora come nutrimento , irrorando il terreno di coltura una volta che la talea ha emesso le radici .
L’ASPIRINA
L’Aspirina ,  che appunto contiene l’acetilsalicilico,  prodotto ottenuto dalla trasformazione dell’acido salicilico presente nel Salix Alba ,  sciolta nell’acqua viene così usata per la conservazione dei fiori recisi al fine di farli durare più a lungo , allo stesso modo , alcuni la utilizzano  per la radicazione delle talee.

6 Responses to "Il Salice come ormone naturale fai da te"

  1. Graziano ha detto:

    Grazie è giusto quello che cercavo! Bel blog.

Lascia un commento