Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Animali, Giardinauta! Tutti gli Articoli, Stile di Vita - Life Style » Le Doggy bag : Ottime contro lo spreco , poco salutari per i nostri amici canidi…

Le Doggy bag : Ottime contro lo spreco , poco salutari per i nostri amici canidi…

Articolo scritto da

Si chiama “doggy bag” perché in origine era una scatola o un sacchetto per gli avanzi del ristorante, da portare a casa e dare al cane.
È una tradizione abbastanza affermata negli States (e molti film vi ammiccano), ma sarebbe quasi sconosciuta in Italia se non fosse per la tenace campagna promozionale che la First Lady Michelle Obama le sta facendo in patria e all’estero.
In realtà la “doggy bag” potrebbe diventare una buona abitudine per noi e il nostro portafoglio,
non certo per i nostri amici di casa.

Il cane, in particolare, deve mangiare con poco sale e con grassi misurati.
Non vanno bene neanche i sughi al pomodoro e gli intingoli pepati.
Inoltre, quando si offre un “extra” al cane è bene farlo per premiarlo, altrimenti diventerà una disastrosa abitudine alimentare che potrebbe condurre a delle patologie anche gravi.
Molto meglio, in questi casi, dei croccantini più appetibili o delle ricompense in bustine sigillate.
La “doggy bag” è invece una opportunità per risparmiare
e sprecare meno che ci viene messa a disposizione.
Ormai nei locali più trendy si può tranquillamente chiedere di poter portare a casa gli avanzi del pasto.
Hanno aderito a questa proposta, denominata “il buono che avanza”,
notissimi chef come Pietro Leeman e Davide Oldani.
Anche associazioni importanti come Slow Food e Legambiente partecipano per ricordarci che non solo siamo ciò che mangiamo, ma siamo anche ciò che sprechiamo.
L’ADOC (http://www.adoc.org/) ricorda che con gli alimenti “avanzati” da servizi di ristorazione si potrebbe nutrire la popolazione della Spagna per un anno.
Ma la tendenza è in diminuzione.
Imparate a chiedere la vostra “doggy bag” ma pretendetela in materiale ecologico.
I ristoranti che aderiscono all’iniziativa saranno riconoscibili dal logo “Doggy-Bag”  sulla vetrina o nel menù, e l’elenco si trova sul sito www.doggy-bag.it.

Lascia un commento