Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Articoli Home 2, Coltivare & Curare le Piante, Giardinauta! Tutti gli Articoli, Sul Balcone e sul Terrazzo » Agrumi in vaso

Agrumi in vaso

Articolo scritto da

Fra i frutti più antichi e amati troveremo senz’altro gli agrumi .
Coltivati già 4000 anni fa, l’arcipelago della malesia, fino all’India e la Cina è probabilmente la madrepartia degli agrumi, dove è possibile trovare numerosissimi ibridi e specie.
Le prime citazioni Cinesi riguardano il 2200 a.c. quando alla corte dell’imperatore Ta Yu venivano inviati agrumi come tributo dalle regioni meridionali del paese.
Riferimenti agli agrumi si possono trovare anche in alcuni scritti confuciani del 500 a.c.
Mentre alcuni studiosi ritengono che tra il XI e il XIII furono gli Arabi a diffondere questi frutti in Spagna e nella nostra Sicilia mentre per molti la presenza di questi frutti nelle nostre terre si deve ai Portoghesi,infatti,ancora oggi,in molti dialetti le arance vengono chiamate portugal (piemontese)o portuallu (calabrese) ed in molti altri dialetti Italiani differiti da piccole variazioni fonetiche.
Dal punto di vista botanico gli agrumi appartengono alla Famiglia delle Rutacee per la maggior parte sono sempreverdi e i loro frutti vengono chiamati esperìdi in onore delle ninfe greche a cui Zeus affidò la protezione delle arance che Hera gli donò come dote.
Gli agrumi ad oggi vengono coltivati in tutto il mondo , e occupano il terzo posto nella produzione mondiale di frutta.
UNA CURIOSITA’ :
Colombo, nel 1493 portò semi di arancio e limone nel nuovo mondo.
I marinai Spagnoli avevano il compito di seminare 100 semi di agrumi in ogni nuova terra in cui approdavano.
CURA E RIPRODUZIONE DEGLI AGRUMI IN VASO
E’ bene partire dal presupposto che gli agrumi sono piante ben esigenti e di difficile cura soprattutto in vaso.
Tuttavia, benché si pensi l’incontrario, offrendo loro ciò di cui necessitano sarà possibile ottenere delle belle piante in vaso non solo nelle regioni meridionali del nostro paese, ma anche nelle regioni settentrionali avendo cura di farle svernare in ambienti protetti.
ESPOSIZIONE E CONDIZIONI
Grandi o piccoli che siano i vasi hanno la comodità di permettere lo spostamento della pianta in ogni momento .
Nelle zone a clima mite gli agrumi possono essere riportati all’esterno dopo lo svernamento in Maggio.
E’ indispensabile fornire alla pianta il numero di ore con irradiamento solare diretto maggiore possibile posizionando il vaso in zona riparata dal vento.

IL TERRENO
Quando si coltiva in contenitore,che si tratti di agrumi o di pomodori, la scelta del terriccio giusto è indispensabile .
La soluzione ideale è quella di mischiare:
1/3 di sabbia di fiume
1/3 di humus di corteccia
e 1/3 di buona terra da giardino
se non vi fosse possibile andrà bene anche il terriccio per agrumi che troverete in qualsiasi garden center avendo cura se possibile di acquistare del terriccio da coltivazione biologica e/o biodinamica.
IL RINVASO
Fine dell’inverno,prima dell’inizio della nuova fioritura è il momento giusto per l’eventuale rinvaso, ma solo quando le radici inizieranno ad uscire dai fori di scolo o quando la pianta inizia a dare i primi segni di indebolimento.
Normalmente,le piante appena acquistate risiedono in vasi ormai troppo piccoli per loro, occorrerà quindi provvedere a rinvasarle,ma solo se risulterà indispensabile,altrimenti,lasciatele stare come stanno.
E’ bene non scegliere vasi troppo grandi per il rinvaso,l’ideale,è di scegliere vasi di uno o due centimetri più grande rispetto a quello che si sta per abbandonare.
Qualora l’esemplare di agrume sia posto in un contenitore grande, il rinvaso potrà essere effettuato nel medesimo vaso,eliminando e sostituendo il terriccio in eccesso ma avendo sempre cura di non danneggiare o disfare il pane di terra.
Estrarre una pianta da un vaso di plastica è molto semplice, lo è un po’ meno estrarla da un vaso di cotto.
Nel caso la pianta si trovi in un vaso di terracotta occorrerà in primis tagliare eventuali radici che fuoriescono dal foro di scolo,così da poter estrarre la pianta con maggiore facilità.
Se invece la vostra pianta è posta in un vaso di argilla,potrà risultare davvero complicato estrarre la pianta senza danneggiare le radici,in tal caso,potrà essere d’aiuto annaffiare abbondantemente la pianta,l’acqua,favorirà il distacco del pane di terra dalle pareti del vaso.
In qualsiasi modo si proceda e qualunque sia il tipo di vaso che utilizzate,durante il rinvaso,bisognerà prestare la massima attenzione affinché il pane di terra del nostro agrume non si danneggi o disfi.
Infine,dal momento che gli agrumi mal sopportano i ristagni idrici,occorrerò praticare un ottimo strato di drenaggio sul fondo del vaso,possibilmente utilizzando dei sassi di varie dimensioni o della ghiaia grossa,in alternativa,dei pezzi di coccio,in varie dimensioni.
Il rinvaso degli agrumi adulti,praticato riponendole nel medesimo vaso di coltura come scritto poco fa, va effettuato ogni 3/4 anni circa.
INNAFFIATURE E CONCIMAZIONE
In estate occorrerà irrigare gli agrumi ogni giorno, in autunno/inverno basterà una volta al mese.
Come concimazioni per gli agrumi invece,azoto, fosforo e potassio sono elementi base richiesti  in grande quantità e si trovano in ogni concime  minerale.
Ferro e magnesio sono invece  «microelementi», cioè elementi indispensabili per la pianta ma richiesti in  piccole dosi.
I microelementi si trovano  nei concimi complessi e l’ideale è somministrarne uno specifico per agrumi e a  lenta cessione.

Lascia un commento