Giardinauta!! Coltivando il tuo pollice verde…. » Coltivare & Curare le Piante, Giardinauta! Tutti gli Articoli » Agroecologia – Perche’ le piante si ammalano ? –

Agroecologia – Perche’ le piante si ammalano ? –

Articolo scritto da

Fattori organici ( vegetali , animali …) e  inorganici (terreno , acqua , aria ..) risultano strettamente connessi all’esistenza  di ogni organismo.
Qualsiasi forma di allevamento , anche quello particolarmente attento all’ambiente altera questo equilibrio , spesso in modo devastante e irreversibile,a causa della semplificazione dell’ecosistema originario.
Rotto l’equilibrio , ad esempio con l’introduzione e la sostituzione delle specie spontanee con specie coltivate , noi , diventiamo gli unici in grado e nelle possibilita’ di regolare questo ecosistema ormai degradato dove la regolazione biologica  dei parassiti viene in tutto e per tutto sostituita dai fitofarmaci  e la riattivazione dei terreni utilizzati troppo spesso ulteriormente danneggiata da apporti sconsiderati e superficiali di concimi chimici .
L’agroecologia parte a monte , non parte dalla protezione delle piante , ma dai metodi di produzione che sono in stretto rapporto con le loro salute , ovvero, si tratta di coltivare  in modo tale da , per quanto possibile , eliminare i problemi fitosanitari, nelle tecniche convenzionali invece non si tiene in considerazione nulla , tanto ci sara’ il prodotto chimico “riparatore” dell’errore umano.
Nelle tecniche convenzionali il terreno e’ qualcosa da manipolare ( come del resto succede anche nella medicina convenzionale  con il nostro organismo ,basta pensare a come si somministrino con estrema facilita’ gli antibiotici oggi , ad esempio !) senza un minimo di visione globale !
Eccessive somministrazioni di fitofarmaci ,spesso inoltre effettuate senza che vi sia la reale necessita o con scarse conoscenze (e del prodotto e dell’agente patogeno)

contribuiscono seriamente all’inquinamento dell’ambiente e delle coltivazioni , vedete come l’esempio degli antibiotici di pocanzi calzi a pennello per capire come funziona ? L’ambiente inquinato e’ il nostro organismo in uesto caso ed e’ contaminato dall’eccessivo e superficiale uso degli antibiotici !
Torniamo al dunque !
Durante le prime sperimentazioni  delle tecniche  agrobiologiche , negli anni trenta , si pote’ notare  come gli insetti “nocivi” fossero i nostri migliori insegnanti in agronomia .
La loro presenza e’ un chiaro segnale che qualcosa non torna , pertanto , prima di procedere con l’eliminazione fisica sarebbe intelligente capire dove e come abbiamo sbagliato, dove e’ il problema !
Da considerare inoltre come la presenza di un certo numero di insetti nocivi , di malattie crittogamiche e di erbe infestanti tuttavia deve essere considerata fisiologica nell’attivita’ agricola.
Gli insetti e le malattie in natura restano , il piu’ delle volte a livelli costanti e non dannosi.
Risulta quindi necessario e intelligente intervenire ,seppur con prodotti a bassa tossicita’,

solo quando lo sviluppo dei parassiti risulti tale da compormettere una parte rilevante del raccolto.
Allo stesso modo potremmo parlare di concimazioni.
In agroecologia la concimazione non e’ atta alla nutrizione diretta delle piante , bensì, alla somministrazione di quanto occorre al potenziamento della vita del terreno,indispensabile substrato per la crescita equilibrata dellle piante.
Pertanto , andrebbero utilizzati concimi organici o minerali ,a lenta cessione , i quali si inseriscono nel metabolismo del terreno riducendo al minimo gli squilibri dell’attivita’ dei microrganismi , i quali , indispensabili per garantire la disponibilita’ dei sali minerali necessari alle piante per uno sviluppo equilibrato .
Dobbiamo imparare a  gestire al meglio l’ecologia del campo coltivato adottando strategie che ne conservino la complessita’ così da minimizzare i problemi fitosanitari , se e’ vero che i metodi ecologici a causa della loro bassa permanenza e alla loro rapida degradazione  richiedono maggior conoscenza della biologia delle piante e degli agenti patogeni così da intervenire al momento piu’ opportuno e ottenere il miglior risultato , altrettanto vero e’ che lo dobbiamo all’ambiente oltre che a noi stessi , credo proprio sia arrivato il momento di rendere il favore alla terra , senza se e senza ma !

3 Responses to "Agroecologia – Perche’ le piante si ammalano ? –"

  1. noemi ha detto:

    CIAO,MI CHIAMO NOEMI E VORREI CHIEDERE COME FANNO LE PIANTE AD AMMALARSI??

  2. noemi ha detto:

    CIAO,DA PARECCHIE PARTI MI STANNO DICENDO CHE LE PIANTE NON POSSONO STARE IN CASA,PERCHè ASSORBONO L’ARIA DI CUI NOI RESPIRIAMO.
    MA QUESTO è VERO?

    1. Giardinauta ha detto:

      Ciao Noemi , le piante sono un pò come noi , possono soffrire di varie malattie e i motivi per cui si ammalano sono molteplici , nella coltivazione idroponica ad esempio si e’ visto come le piante siano meno soggette a malattie fungine , questo , perché i funghi si sviluppano in primis nel terreno di coltura !
      Per la presenza di piante in casa invece non e’ assolutamente vero , anzi ,
      le piante assorbono l’anidride carbonica ( e non solo ) per poi rilasciarla sotto forma di ossigeno durante la notte, avrai senz’altro sentito dire a qualcuno cose come :
      “se parlo con le mie piante loro sono piu’ rigogliose”
      bene,questo e’ dovuto dal fatto che parlando/respirando ,
      noi emettiamo anidride carbonica , di cui le piante sono “ghiotte” .
      L’anidride carbonica in grandi concentrazione e’ dannosa per noi , ecco perché l’uso di qualche pianta in un appartamento non può che essere una scelta intelligente.
      Certo,non si puo’ installare una foresta in casa,è bene non esagerare mai.
      Inoltre,molte piante sono utili in quanto assorbono agenti inquinanti di vario genere presenti nelle nostre case .
      In particolare è evidente la
      capacità di eliminare la formaldeide,sostanza
      nociva prodotta da numerosi materiali ed oggetti presenti comunemente
      nelle nostre case:
      tessuti, sacchi dell’immondizia, resine,
      rivestimenti, adesivi, fornelli a gas, fumo del tabacco.
      I bioeffluenti emessi da noi ,
      semplicemente con la respirazione,
      ( acetone, etanolo, etilacetato) sono altri responsabili della cattiva
      qualità dell’aria,
      in questo articolo:
      Purificare l’aria di casa con le piante/ne parlo , a grandi linee , dell’uso di alcune specie in casa , di questo articolo , leggi anche i commenti , troverai una lista di piante utili al caso .
      Ciao !

Lascia un commento